Per ottimizzare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza cookies. Cliccando accetta si autorizza l'uso dei cookies. Maggiori informazioni
Accetto
Lastra a Signa On Tour
Menu
Tipicità

Zafferano

Una tradizione di origine medievale

Lo Zafferano, originario dell’Asia Minore, fu introdotto in Europa dai conquistatori arabi ed è arrivato in Italia nel XIV. Veniva adoperato per l’arte tintoria, la cosmesi e come medicamento, grazie all’alto potere antiossidante.
Fonti storiche riportano, fin dal Trecento, la sua coltivazione nell’attuale provincia di Firenze ed attestano la sua commercializzazione, apprezzata a livello internazionale  come “Zima di Firenze”.

Dagli anni ’50 del Novecento in poi diversi agricoltori fiorentini ripresero la coltivazione. Oggi la sua coltura si estende ad una cinquantina di ettari distribuiti nel centro Italia e in Toscana nelle province di Firenze, Siena, Grosseto ed Arezzo.
Lo zafferano presenta un ritmo vegetativo scandito da un ciclo climatico tipicamente mediterraneo; i terreni adatti alla sua coltivazione sono quelli collinari e ben soleggiati. I fiori dello zafferano sono raccolti manualmente, per poi procedere con la separazione degli stimmi dal calice. Gli stimmi vengono quindi posti ad essiccazione e conservati in contenitori che li preservino dall’umidità e dalla luce. 

Scopri le
ricette Scopri le
tipicità