close
Close Map
Per ottimizzare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza cookies. Cliccando accetta si autorizza l'uso dei cookies. Maggiori informazioni
Accetto
Lastra a Signa On Tour
Menu
Da scoprire Arte e cultura

Villa Caruso Bellosguardo

Lastra a Signa  

Parco di Bellosguardo
Share via Email Share via Facebook Share via Twitter Print

La residenza cinquecentesca che incantò il grande tenore

Al centro del colle di Bellosguardo sorge la villa circondata dal grande parco, col quale condivide le stesse regole architettoniche che ne hanno inspirato la costruzione. 
La proprietà fu acquisita nel 1541 dall'abate Alessandro di Pandolfo Pucci e ristrutturata, tra il 1585 e il 1595, secondo il gusto esoterico e ricercato dell’epoca. L’edificio, con due corpi di fabbrica ret­tangolari e paralleli, congiunti da un lungo muro, fu decorato con un raffinato ciclo di pitture, oggi perduto, che si estendeva sulla facciata e nelle sale interne, connotate dall’abate con significati morali e spirituali. Alla sua morte, nel 1612, la proprietà confluì in un altro ramo della famiglia, quello di Niccolò di Saracino, che trasformò la tenuta in una villa-fattoria toscana.

Nel 1672 Bellosguardo venne ereditata dal marchese Roberto di Giulio Pucci che si dedicò all’ampliamento delle proprietà per adattarla alla nuova estetica barocca. Nei decenni successivi i Pucci continua­rono a curare la tenuta, fino agli inizi dell'Ottocento quando Bellosguardo attraversò un periodo di decadenza economica. Il conte Giu­seppe di Agostino Campi, ciam­bellano del Granduca di Toscana, acquistò la proprietà nel 1858, conservandola per il cinquantennio successivo.

Nel 1905 Enrico Caruso, all'apice della carriera, visitò la tenuta di Bellosguardo e, colpito dalla bellezza del luogo, ne entrò in possesso un anno dopo. Iniziò quindi i lavori di ristrutturazione della villa e del giardino, per trasformare la proprietà nella sua residenza privata dove riposarsi tra una tournee e l’altra. Dopo la morte del tenore nel 1921, Bellosguardo cambiò più volte proprietario fino al 1995, quando venne acquisita dal Comune, che la trasformò in un centro di formazione e studio sulla musica e la lirica, imperniato sulla figura di Caruso. 

Contatti
Web: www.villacaruso.it
Mail: info@villacaruso.it
Tel: +39 055 8721783
Indirizzo: via di Bellosguardo